Passa ai contenuti principali

Post

Estinzione del reato per condotte riparatorie: analisi al nuovo art. 162- ter c.p.

(Normativa di riferimento artt. 585, 133 e 133 bis c.p. art. 1208 c.c.)
Il legislatore al fine di deflazionare e rendere piu´celere il sistema penale ha  emanato Il nuovo art. 162-ter. Codice penale – (Estinzione del reato per condotte riparatorie). –  il quale  prevede che “nei casi di procedibilità a querela soggetta a remissione, il giudice dichiara estinto il reato, sentite le parti e la persona offesa, quando l'imputato ha riparato interamente, entro il termine massimo della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, il danno cagionato dal reato, mediante le restituzioni o il risarcimento, e ha eliminato, ove possibile, le conseguenze dannose o pericolose del reato. Il risarcimento del danno può essere riconosciuto anche in seguito ad offerta reale ai sensi degli articoli 1208 e seguenti del codice civile, formulata dall'imputato e non accettata dalla persona offesa, ove il giudice riconosca la congruità della somma offerta a tale titolo”. L´articolo 162 te…
Post recenti

Lo Straining: delimitazione della fattispecie.

Come e´ormai noto agli operatori del diritto, in mancanza di una specifica tutela legislativa in materia di mobbing, si fa riferimento ad una serie di nome civilistiche e penalistiche sparse all´interno dei nostri codici nonche´alla giurisprudenza.
Il consolidato orientamento giurisprudenziale, difatti,  riconduce alla nozione di mobbing una serie di pratiche persecutorie realizzate ai danni del lavoratore connotati da un´oggettiva frequenza della condotta ostile.
Diversamente, lo straining si configura come una situazione lavorativa da stress forzato, in cui la vittima subisce azioni ostili limitate nel numero e/o distanziate nel tempo (quindi rientranti nei parametri del mobbing) ma tale da provocare una mortificazione in negativo, costante e permanente, della condizione lavorativa.
E´sufficiente anche un´unica azione ostile purche´essa provochi conseguenze durature e costanti a livello lavorativo, tali per cui la vittima percepisca di essere in una continua posizione di
inferiorita´…

Normativa sull' immigrazione: cosa cambia

E’ cronaca di tutti i giorni la microcriminalità commessa dai soggetti immigrati, siano essi clandestini, rifugiati o richiedenti asilo, a danno dei nostri connazionali, i reati variano da violenze sessuali, a furti, danneggiamenti a cose o persone, risse e aggressioni.  Gli stranieri rappresentano il 32,6% del totale dei condannati, il 36,7% dei detenuti presenti nelle carceri e il 45% del totale degli entrati in carcere (fonte Istat 31/12/2011). Questi dati dimostrano un significativo aumento del numero di reati  perpetrati dagli stranieri, ciò dovrebbe essere un campanello di allarme nella gestione della politica dell’immigrazione clandestina e degli immigrati irregolari. Analizziamo da vicino le norme legislative sull’immigrazione; con la legge n.40/1998 (legge Turco-Napolitano) si puniva essenzialmente il traffico di immigrati, per cui vennero modificati anche gli articoli 600 c.p.  (Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù) 601 c.p. (Tratta di persone) e 602 c.p. (Acquis…

Recensione: "La vittima del Processo” i danni da attività processuale penale. Edito da Giappichelli 2017

Lo scopo dell’opera è quella di tracciare un quadro normativo nell’ipotesi in cui si configura un pregiudizio da danno da attività processuale nei confronti dell’indagato o dell’ imputato e delle relative tutele penalistiche.
Il testo prende avvio con la ricerca sui danni da attività giudiziaria penale e sulla questione controversa se siano o meno adeguati gli strumenti risarcitori - indennitari previsti dalle attuali leggi. Il progetto di ricerca si pone gli obiettivi di individuare delle soluzioni che consentano il ricorso alla riparazione delle conseguenze pregiudizievoli poste in essere dall’attività giudiziaria nei confronti dei soggetti, delle persone giuridiche e dallo Stato stesso.
La Sezione I è dedicata ai profili costituzionali dei danni da processo penale, alla definizione di atto lecito dannoso, all’esportabilità del modello amministrativo per l’indennizzo del danno derivante dall’attività giudiziaria, vengono altresì in quest’ ambito riportate le principali sentenze della …

Recensione: Il contrasto alla Criminalità organizzata. Edito da Giappichelli 2017

L’ opera nasce da una serie di studi incentrati sul fenomeno della criminalità organizzata, nell’ ambito di una attenta analisi normativa nazionale ed internazionale che vede i principali istituti giuridici come protagonisti. 
In tema di misure di prevenzione patrimoniale viene attenzionata la confisca, quale privazione di beni economici indirizzata a varie finalità, viene quindi analizzato l’origine dell’ istituto nei paesi di Common Law fino ad arrivare alla nuova normativa del 2002 il c.d. Proceeds of Crime Act (POCA) che ha creato un organismo deputato al recupero dei beni da confiscare il c.d. Asset Recovery Agency (ARA) che è andata a unificare la legislazione precedente in materia di confisca e riciclaggio del denaro, vengono altresì analizzati i diversi istituti ad esso connessi, in particolare la legislazione successiva quella del 2005 che va ad arginare il problema del mancato recupero dei crediti derivanti dai confiscation orders,  per cui viene varato il Serivos Crime Act (…

Sull'abolizione dei docenti di lingua italiana all' estero pagati con soldi pubblici.

Ogni anno il Miur emana il bando di selezione per assistente di lingua italiana o come docente di lingua italiana all'estero che andranno ad occupare posti in scuole ed istituti. I docenti che vengono mandati dall'Italia hanno uno stipendio superiore, il triplo, rispetto ad un docente che insegna in Italia, il tutto con soldi pubblici che potrebbero essere investiti in sanità , sicurezza ed istruzione. A questo si aggiunge il fatto che lo Stato italiano invia dei finanziamenti verso Istituti Esteri gestiti da italiani per lo svolgimento dei Corsi. Molti italiani non sono informati su questo. Parliamo di stipendio dei docenti: "Il primo viene è erogato dal ministero della Pubblica Istruzione ed è lo stipendio comune a tutti gli insegnati che in gergo tecnico assume la dicitura di stipendio “metropolitano”. Viene versato regolarmente come se il titolare della posizione fosse a Roma mentre è a Parigi, New York o Londra. Il secondo stipendio viene pagato invece dal ministero…

Scambio elettorale politico- mafioso

L’ articolo 416 ter punisce con la reclusione da quattro a dieci anni chiunque accetta la promessa di procurare voti mediante le modalità di cui al terzo comma dell’ articolo 416 bis in cambio dell’erogazione di denaro o altra pubblica utilità. Il bene giuridico tutelato è quello di garantire l’ordine pubblico, il corretto funzionamento delle consultazioni elettorali nonché il corretto e libero confronto dei vari candidati.
La promessa di procurare voti secondo la dottrina e la giurisprudenza maggioritaria costituisce l’anticipazione della consumazione del reato. Il delitto di scambio elettorale politico-mafioso rientrerebbe nei reati a duplice schema,[1] accordo seguito dal ricevimento di denaro o altra utilità, in cui la consegna costituisce il momento consumativo del reato. Pertanto, ai sensi dell’articolo 416 ter c.p., le modalità di procacciamento dei voti debbano costituire l’oggetto del patto di scambio politico-mafioso, in funzione dell’esigenza che il candidato possa contare s…